A year in music 2012 compilation [free download – 3 vol.]

Scantalo!!!!!! Neanche dei Maya ci si può fidare, hanno tirato su tutto ‘sto casino solo per rubare i soldi a noi poveri contribuenti. A casa li dobbiamo mandare, a casa! La delusione è cocente, speravamo finalmente in un evento davvero democratico: la dipartita di tutti, nessuno escluso. Via dalla palle ricchi e poveri, assunti e cocopro, belli e brutti, cani e gatti. E il boccone sarebbe stato meno amaro perché ce ne saremmo andati tutti insieme, ognuno stretto al proprio caro o chi per lui: non ci sarebbe stato bisogno di piangere per nessuno, un ultimo brindisi e poi il tuffo nel vuoto.

E invece no, beffati una volta di più. Ci scuserete dunque se abbiamo pensato ad altro piuttosto che a scrivere un post pregno di significati e carico di sferzanti critiche sociali per introdurre la nostra consueta compilation di fine anno sul meglio che la musica in questo 2012 ha avuto da offrire. Come al solito tre dischi, uno con i pezzi più belli, uno con le canzoni per scaldarsi e l’ultimo invece con quelle per riprendersi (da cosa? Decidetelo voi). Fatene l’uso che ne volete, ma soprattutto scaricate come se non ci fosse un domani anche se ormai lo sappiamo: un domani molto probabilmente c’è.

SCARICA GRATIS – FREE DOWNLOAD

 SCARICA GRATIS - FREE DOWNLOAD

SCARICA GRATIS – FREE DOWNLOAD

Vol 1 – Vol 2 –  Vol 3

Tracklist:

Vol 1

1 Chris Cohen – Monad (Overgrown Path)
2 Woods – Cali In a Cup (Bend Beyond)
3 The Fresh And Onlys – Presence Of Mind (Long Slow Dance)
4 Jens Lekman – Become Someone Else’s (I Know What Love Isn’t)
5 The Walkmen – Heaven (Heaven)
6 The Wave Pictures – Long Black Cars (Long Black Cars)
7 Mount Eerie – Ocean Roar (Ocean Roar)
8 The Shins – It’s Only Life (Port Of Morrow)
9 Grizzly Bear – Half Gate (Shields)
10 Tame Impala – Feels Like We Only Go Backwards (Lonerism)
11 Chromatics – These Streets Will Never Look The Same (Kill For Love)
12 Liars – Brats (WIXIW)
13 Drink To Me – Disaster Area (S)
14 Cold Pumas – Fog Cutter (Persistant Malaise)
15 Cloud Nothings – Wasted Days (Attacks On Memory)
16 Lotus Plaza – Remember Our Days (Spooky Action At Distance)
17 The Tallest Man On Earth – Wind And Walls (There’s No Leaving Now)
18 Bry Webb – Persistant Spirit (Provider)
19 Damien Jurado – So On, Nevada (Maraqopa)
20 Beach House – On The Sea (Bloom)
21 Spiritualized – So Long You Pretty Thing (Sweet Heart Sweet Light)

Vol 2

1 Wild Nothing – Shadow (Nocturne)
2 Avery Rosewater – Havana
3 Beach Fossils – Careless
4 Lower Dens – Brains (Nootropics)
5 Hospitality – Eight Avenue (s/t)
6 Vadoinmessico – In Spain (Archeology Of The Future)
7 Ariel Pink’s Haunted Graffiti – Only In My Dreams (Mature Themes)
8 Mac Demarco – Freaking Out The Neghborhood (2)
9 Dirty Projectors – About To Die (Swing Lo Magellan)
10 The Babies – Alligator (Our House On The Hill)
11 A Classic Education – Crawfish (Elvis Presley Cover)
12 Metz – Wet Blanket (s/t)
13 Why? – Strawberries (Mumps, Etc)
14 Breton – Governing Correctly (Other People’s Problems)
15 Cosmo – Io Ti Venderei (Lucio Battisti Cover)
16 Sinner Dc – Endless Valley (Future That Never Happened)
17 Peaking Lights – Beautiful Son (Lucifer)

Vol 3

1 Jason Lytle – Dept. Of Disappearance (Dept. Of Disappearance)
2 HAVAH – Mercoledì (Settimana)
3 The Magic Castles – Now I’m a Little Cloud (s/t)
4 Shout Out Louds – Blue Ice
5 Ducktails – The Flower Lane
6 Air (Ft Victoria Legrand) – Seven Stars (Le Voyage Dans La Lune)
7 Man On Wire – The Anger Song (West Love)
8 The Antlers – Dirft Dive (Undersea Ep)
9 Chelsea Wolfe – Flatlands (Unknown Rooms)
10 Bill Fay – The Healing Day (Life Is People)
11 Jessica Pratt – Half Twain The Jesse (s/t)
12 Iacampo – Gli Inverni Non Mi Cambieranno Più (Valetudo)
13 Lambchop – Kind Of (Democracy)
14 Yo La Tengo – Before We Run (Fade)
15 Philip Glass & Beck – NYC: 73-78 (Rework. Philip Glass Remixed)

Winter 2012 compilation – A year in music 2011 [free download]

Sacrifici, sacrifici, sacrifici. Ragazzi, finalmente finisce questo 2011 infestato da spread e crisi economica. Ci preoccupa la crisi economica? Relativamente, del resto non è che abbiamo quel granché da perdere, in termini economici, e purtroppo temo che molti dei nostri lettori capiscano cosa intendiamo (sigh!). Onestamente questa crisi la vediamo quasi positivamente (anzi, togliete il quasi): un’opportunità per dire basta a questo folle sistema capitalistico e consumistico schiavo di banche, papponi, lobbisti, mafiosi, facce di culo e gente rimbambita. La crisi che ci preoccupa di più è quella culturale, ormai profondissima, che  sembra però non interessare più a nessuno, specie ora che Berlusconi non è più Presidente del Consiglio. Senza andare a toccare temi sociali quali xenofobia, corruzione ecc, non ci compete, siamo sempre più preoccupati dalla qualità e dallo stampo dei prodotti culturali rivolti ad un pubblico di massa. Recentemente ci siamo anche noi tuffati nel tunnel della nostalgia (strada anch’essa pericolosa anzichenò, come viene fuori dalla lettura del libro della Egan) e abbiamo brindato ai capolavori che 20 anni fa nel 1991 e 40 anni fa nel 1971 imperversavano nel mondo della musica vendendo milionate di copie  conquistando audiences globali. Pensare che oggi un gruppo rock “alternativo” possa scalare le classifiche e rivaleggiare con Justin Bieber sulle pareti delle camerette degli adolescenti, come facevano i Nirvana e i Pearl Jam 20 anni fa, è ormai pura utopia. E questo ci rattrista molto più dello spread perché crediamo che gusti musicali, cinematografici, letterari, artistici, dicano molto delle persone e, chiamateci snob, non abbiamo molta fiducia in una società che spende i propri soldi per acquistare un disco (o un brano) di Tiziano Ferro o che va al cinema a vedere il concerto di Ligabue in 3D. Sob.

E invece la roba di qualità abbonda: in giro non mancano musicisti, scrittori, artisti di talento traboccanti di passione e di idee, solo che sono sempre più sommersi da una montagna di spazzatura e di rumore di fondo. E allora ecco che entrano in campo quelli come noi, indagatori degli abissi, sommozzatori a caccia di tesori sommersi. E ok, non sarà il 1971, non sarà il 1991, ma in questo 2011 di roba interessante, in campo musicale, non ne è certo uscita poca: quelli di SUBmarinean POP vi hanno messo insieme una compilation tripla, ben 57 brani da 57 dischi diversi di 57 artisti diversi, che è il nostro regalo di Natale per voi. Scaricatela, godetela, fatela scaricare ai vostri amici e cerchiamo, ognuno nel suo piccolo, di contribuire a far ripartire la crescita. Non quella economica, quella culturale.

SCARICA GRATIS – FREE DOWNLOAD

SCARICA GRATIS - FREE DOWNLOAD

SCARICA GRATIS – FREE DOWNLOAD

Vol 1  – Vol 2  – Vol 3


Tracklist

Vol. 1
1 Girls – Jamie Marie (Father, Son, Holy Ghost)
2 Okkervil River – Your Past Life As a Blast (I Am Very Far)
3 Real Estate – Wonder Years (Days)
4 Twerps – Who Are You (s/t)
5 Yellowbirds – Beneath The Reach Of The Light (Colors)
6 Comet Gain – An Arcade From The Warm Rain That Falls (Howl Of The Lonely Crowd)
7 Sacred Spirit – My Brother Died (Some Stay)
8 Crash Of Rhinos – Lifewood (Distal)
9 Atlas Sound – Angel Is Broken (Parallax)
10 Fleet Foxes – Blue Spotted Tail (Helplessness Blues)
11 Dirty Beaches – Sweet 17 (Badlands)
12 Arches – Every Moment Of The Day (Wide Awake)
13 Bon Iver – Minnesota, WI (s/t)
14 The Antlers – I Don’t Want Love (Burst Apart)
15 A Classic Education – Baby It’s Fine (Call It Blazing)
16 The Wave Pictures – Hear The Ferries Mooring (Beer In The breakers B-Side)
17 Stephen Malkmus and The Jicks – Stick Figures In Love (Mirror Traffic)
18 The War On Drugs – I Was There (Slave Ambient)
19 Yuck – Rubber (s/t)

Vol. 2
1 Wye Oak – Holy Holy (Civilian)
2 Ducktails feat Panda Bear – Killin The Vibe (Killin The Vibe Ep)
3 Big Troubles – She Smiles For Pictures (Romantic Comedy)
4 Summer Camp – Better Off Without You (s/t)
5 Crystal Antlers – Summer Solstice (Two-Way Mirror)
6 Mazes – Most Days (A Thousand Heys)
7 Crystal Stilts – Dark Eyes (Radiant Door)
8 Do nascimiento – Materasso (s/t)
9 Iceage – Collapse (New Brigade)
10 Raein – Oggi Ho Deciso Di Diventare Oro (Sulla Linea D’Orizzonte Tra Questa Mia Vita e Quella Di Tutti)
11 The Twilight Singers – Waves (Dynamite Steps)
12 Screaming Trees – Dorro Into Summer (The Last Words)
13 College Feat. Electric Youth – A Real Hero (Drive OST)
14 Tune Yards – Gangsta (Who Kill)
15 M83 – Midnight City (Hurry Up, We’re Dreaming)
16 The Drums – Hard To Love (Portamento)
17 Toro Y Moi – Got Blinded (Underneath The Pine)
18 Destroyer – Kaputt (Kaputt)
19 Charles Bradley – Why Is It So Hard? (No Time For Dreaming)

Vol. 3
1 The Raveonettes – Recharge & Revolt (raven In The Grave)
2 Spectrals – Get A Grip (Bad Penny)
3 Smith Westerns – All Die Young (Dye It Blonde)
4 Papercuts – Do You Really Want To Know (Fader Parade)
5 Pete And The Pirates – Half Moon Street (One Thousand Pictures)
6 Lana Del Rey – Video Games (Video games – Blue Jeans Single)
7 Bill Fay – I Hear You Calling (The Time Of The Last Persecution)
8 Bill Callahan – Riding For The Feeling (Apocalypse)
9 Villagers – Ship Of Promises (Live At Working Mans Club Dublin)
10 Four Million silhouettes – Emphemetry (A Lullaby Hum For Tired Streets)
11 J Mascis – Several Shades Of Why (Several Shades Of Why)
12 Robin Pecknold – Where Is My Wild Rose (Three Songs)
13 Kurt Vile – Peeping Tomboy (Smoking Ring For My Halo)
14 Oneohtrix Point Never – Rplica (Replica)
15 Youth Lagoon – Afternoon (The Year Of Hibernation)
16 PJ Harvey – In The Dark Places (Let England Shakes)
17 Minks – Little Fawn (Single)
18 Wilco – One Sunday Morning (Song For Jane Smiley’s Boyfriend)(The Whole Love)
19 Low – Nothing But Heart (C’mon)

Il coniglietto di Natale

il conigliettodi Natale

È la notte di Natale e a causa di un’abbondante nevicata Babbo Natale non è riuscito a trovare la casa dei conigli. La delusione dei coniglietti nel non trovare i doni né nelle calze, né sotto l’albero è grande, ma Coniglietto, troppo piccolo per fare molte cose, decide di farne una senza chiedere il permesso: andrà a cercare Babbo Natale. La neve è candida e spessa, le tavole all’aperto sono letteralmente investite da una luce giallo-dorata che illumina il mantello bruno del coniglietto sottolineando come si tratti di uno scricciolo intraprendente e generoso. Durante il cammino alla ricerca di Babbo Natale, infatti, Coniglietto incontra e salva un topolino e un pettirosso, intirizziti e quasi sepolti dalla neve, che si uniscono a lui nell’avventura.

Sebbene così coraggioso e indipendente, però, Coniglietto rimane pur sempre un piccino e quindi non riesce a valutare il pericolo conseguente all’entusiasmo: quando vede finalmente la casa di Babbo Natale oltre un lago ghiacciato, infatti, si mette a correre sul ghiaccio per arrivare più in fretta…

Ma per fortuna gli amici si rivelano tali e preziosi, e, sempre per fortuna, in molte storie i desideri riescono a divenire realtà.

Un albo molto colorato in cui ai colori caldi degli interni si contrappongono quelli freddi degli esterni in un gioco di tinte volto a comunicare proprio il calore (del camino, della cucina) e il freddo (della neve, del ghiaccio). Olga Lecaye ha illustrato anche altre storie di cui è autrice anche dei testi, mentre il testo de Il coniglietto di Natale è di Nadja.

Titolo: Il coniglietto di Nataleil coniglietto di natale
Autori: Olga Lecaye
Editore: Babalibri
Dati: 2000, 40 pp., 14,00 €

Acquistalo su Webster.it

La nostalgica dolcezza del ricordo di Natale di Truman Capote

Ricordo di Natale - Truman Capote- Beth PeckÈ la narrazione che avviene al presente che per tutto il tempo della lettura mi ha indotta a pensare di poter uscire di casa e ritrovarmi per stretti sentieri in compagnia di Buddy e Sook alla ricerca di un bell’albero di Natale. Ed è sempre il presente che si rivela magico nel sussurrare che alcuni eventi, certe persone, non passano, non cambiano, non vanno mai via: restano, si rinnovano, si ripetono in un dondolio dolce d’altalena e idealmente abbracciano e proteggono.

Buddy, sette anni, è l’alter ego di Truman Capote, Sook è sua cugina, ha settanta anni. Sono amici per la pelle e, esattamente come gli amici per la pelle condividono momenti speciali, riti che, come i tratti semplici che compongono gli arabeschi estremamente raffinati, spiccano nell’immenso panorama dei ricordi e della memoria. Ricordo di Natale è uno dei tre racconti pubblicati nel 1958 nel volume dal titolo Colazione da Tiffany – un romanzo breve e tre storie – che consacrò Capote come indiscusso talento della letteratura contemporanea.

Ricordo di Natale - Truman Capote- Beth PeckQuesto pezzo di storia personale rivive dunque nella memoria di Buddy e i piccoli accadimenti dei giorni semplici di un bambino e della sua migliore amica si svolgono dapprima dolcemente “Immaginate una mattina di fine novembre. Una di quelle mattine che preannunciano l’inverno, più di venti anni or sono”; si sente l’odore delle foglie secche crepitanti nel camino, si sente il profumo del tempo, dell’aria secca e fredda dell’inverno e si concorda con Sook che appannando con il fiato i vetri della finestra esclama: “è proprio tempo da panfrutto!”. Poi man mano, mentre i due si procurano gli ingredienti per preparare i dolci da spedire agli amici più cari (Presidente Roosevelt compreso) i ricordi si inseguono e il ritmo diviene più serrato, le frasi più brevi, quasi come se si volesse rifuggire il finale già noto al protagonista. Come se riservare ai ricordi dolorosi meno parole, meno spazio, curasse la memoria e ne addolcisse il sapore. “Questo è l’ultimo Natale che trascorriamo insieme. La vita ci separa”. Trovo queste due frasi, nella loro semplicità, intense e struggenti. La vita li separa, così come la morte che ha allontanato dal terzetto il cagnolino Queenie, vivace terrier mirabilmente ritratto nella sua vitalità da Beth Peck, sopravvissuto a due morsi di serpente a sonagli e al cimurro, che sempre li accompagnava nelle loro scorribande con la vecchia carrozzina adattata a carriola.

Ricordo di Natale - Truman Capote- Beth PeckLe tradizioni che divengono riti sono buffe, talmente semplici da intenerire: la caparbia convinzione di Sook di non doversi alzare dal letto il tredici di ogni mese, il confezionare da sé i regali (aquiloni colorati di anno in anno sempre più belli), il preparare i dolci. Azioni cicliche, rassicuranti che contribuiscono a creare l’atmosfera, anch’essa tradizionale, del Natale. Le gote di Buddy sono sempre rosse, le gote di Sook pure: del tipico rossore dell’infanzia per un bimbo e per una donna anziana rimasta bambina. Alle loro gote rosse s’accosta lo scodinzolio del cagnolino col muso teso all’insù; tutti e tre entusiasti di un invidiabile entusiasmo.

Gli acquerelli di Beth Peck curano ogni dettaglio: dall’ombra del calzino mal arrotolato all’intreccio dell’impagliatura della carrozzina,alle rose di velluto sbiadito sul cappello di Sook.

Questa è una storia di memoria destinata a entrare nella personale tradizione dei bambini cui si avrà il gusto e la dolcezza di raccontarla.

Titolo: Ricordo di Natale
Autore: Truman Capote
Editore: Donzelli
Dati: 2011, 62 pp., 14,00 €

Acquistalo su Webster.it

Adattamento televisivo con Geraldine Page. (1967)

L’ho letto, mi piace, regalaglielo!

Natale è davvero vicino, se, come noi, non siete ancora riusciti a comprare tutti i regali, ecco qui di seguito 10 titoli di sicuro effetto scelti tra i migliori letti quest’anno dalla redazione di AtlantideZine. Li abbiamo letti, ci sono piaciuti, regalateli!

Tecniche di resurrezione – Dopo il successo di Ho freddo, Gianfranco Manfredi torna in libreria con le sue Tecniche di resurrezione (Gargoyle, 2010). Un romanzo che, tra Parigi, Londra, carceri e manicomi, dà una scossa a un genere letterario moribondo e a un mercato editoriale stantìo. (Consigliato da Luca Pantarotto)

Tutti per tutti Di Julian Tuwim. Un libro semplicemente complesso. Scorre lievemente, pagina dopo pagina diverte. Sospende dalla concentrazione della lettura rapita scuotendola con qualche onomatopeico “gnic e gnac”; sorprende con qualche mosca che si intrufola tra le parole, a ribadirle, scherza con i nonsense e poi nasconde dietro e fra le parole ironia e sarcasmo che, per fortuna, fanno proseliti tra i bambini. (Consigliato da Barbara Ferraro)

Il mistero della Locanda SernyUn incontro immaginario tra persone reali ambientato nella Roma del 1800. Nella hall della Locanda Serny gli ospiti possono gustare, insieme, piatti tipici e storie incredibili. (Consigliato da Valeria Vitale)

Crimini letterari – In secoli di storia la letteratura ha commesso un’enorme sequenza di crimini seriali. Non sempre l’unica vittima è il lettore. Charles Nodier, uno dei massimi autori francesi, sfrutta la sua perizia di bibliofilo e formalizza, per la prima volta nella modernità, la nozione di plagio, citazione, contraffazione et similia, smascherando una serie di eclatanti misfatti letterari. (Consigliato da Maddalena Bonparola)

Crossing MidnightDall’autore di Lucifer e The Unwritten, una favola horror sul confine tra i mondi che avrebbe messo d’accordo Andersen e Miyazaki. (Consigliato da Massimo Barison)

La potenza dei poveri “È necessario pulire i miei occhiali innanzitutto, ovvero abbandonare un punto di vista non adatto per interpretare la realtà e poterla cambiarla”: cita il filosofo Spinoza, Majid Rahnema per avviare un discorso sul tema complesso della povertà. (Consigliato da Piera Lombardi)

La donna nel XVIII secoloSi tratta di veri e propri affreschi di una società, quella del secolo dei lumi, che rispecchiano i caratteri propri dei tempi moderni. Sellerio ha dato alle stampe “La donna nel XVIII secolo”, che tra tutti questi affreschi è forse il più rappresentativo per il tono (puntuale ma molto divertente) e per il fatto che proprio le donne, specie quelle delle classi privilegiate (e nella fattispecie nel contesto francese), vivevano in quel tempo una condizione di (illusoria?) egemonia. (Consigliato da Chiara Ferraro)

Il profumo nel mondo antico – Un soffio di profumo arriva dal IV-III secolo a. C.: Teofrasto, il filosofo, incanta e se-duce con fiori, piante e spezie. (Consigliato da Sara Mazzarini)

Altamente esplosivo – Joe Lansdale è uno a cui piace mettere le cose in chiaro, e nella sua introduzione a Altamente esplosivo (Fanucci, 2010) lo fa senza mezzi termini: “i miei racconti – ve lo dico prima – rischiano di portarvi via la seggiola da sotto il culo o di tirarsi giù le mutande senza pensarci due volte. Sono fatti così”. (Consigliato da Michele Bellone)

Sorellina Tuttamia – Un mondo immaginario, una lingua segreta, una sorellina gemella di cui nessuno sa e la scoperta che la realtà, se presa nel verso giusto, è più dolce della fantasia. Dalla celebre autrice di Pippicalzelunghe per la prima volta in italiano. (Consigliato da Barbara Ferraro)

A year in music – Winter compilation [download]

A cosa servono le compilation di fine anno nell’epoca dell’hard disk (attenzione però, stiamo giungendo alla fine anche di questa)? Probabilmente a nulla visto che ognuno di noi avrà nella sua bella cartelletta ogni pezzo proposto. Una volta, quando il supporto era analogico, tutti noi ci divertivamo a costruire nastroni che sarebbero finiti nelle mani o della fidanzatina o dell’amico o di chi per lui. Ma basta con questi nostalgici discorsi da matusa, guardiamo al futuro!

E come? Semplicemente celebrando l’anno appena passato non con una ma con tre compliation. Anche perché tutte le canzoni che volevamo inserire non ci stavano in un unico volume. E cosa ci troviamo dentro? Vediamolo insieme.

SCARICA GRATIS – FREE DOWNLOAD

Vol 1easysharezshare

È quello più istituzionale, con tutti i pezzi degli artisti più “famosi” e con le new entry che più ci hanno colpito. Date un’occhiata alla playlist per giudicare.

  1. Belle & Sebastian – I didn’t see it coming
  2. Villagers – Becoming a  Jackal
  3. Beach House – Silver Soul
  4. Shout Out Louds – Fall Hard
  5. The Radio Dept – Heaven’s on Fire
  6. Girls – Heartbreaker
  7. Arcade Fire – Rococo
  8. Caribou – Odessa
  9. Titus Andronicus – No Future part three: Escape from No Future
  10. Twin Shadow – Shooting Holes at the Sun
  11. The National – Afraid of Everyone
  12. Vampire Weekend – Giving Up the Gun
  13. Wild Nothing – Chinatown
  14. The Walkmen – Angela Surf City
  15. Broken Social Scene – World Sick
  16. Deerhunter – Coronado
  17. LCD Soundsistem – All I Want

Vol 2easysharezshare

Cosa accomuna questi diciotto brani? Be’ potremmo dire le bpm, allegro e sostenuto, quasi danzereccio. Pensato per il 31 dicembre ma adatto a qualsivoglia occasione.

  1. Tennis – Baltimore
  2. The Morning Benders – Promises
  3. The Love Language – Heart to Tell
  4. Best Coast – Crazy for You
  5. The Drums – Let’s Go Surfing
  6. Two Door Cinema Club – Undercover Martyn
  7. Ceo – Illuminata
  8. A Classic Education – What My Life Could Have Been
  9. Los Campesinos! – There Are Listed Buildings
  10. Hey Marseilles – Rio
  11. Wavves – Post Acid
  12. Toro Y Moi – Blessa
  13. Male Bonding – Nothing Remains
  14. Beach Fossils – Wide Awake
  15. No Age – Chem Trails
  16. Tha Pains of being Pure at Heart – Say No to Love
  17. Catwalk – (Please) Don’t Break Me
  18. Darren Hayman & The Secondary Modern – Nothing You can do About It

Vol 3easysharezshare

Potevamo lasciarvi da soli il primo di gennaio 2011? Certo che no, ecco che vi snoccioliamo il terzo volume della nostra Winter Compilation, quello più medidativo, adatto al recupero e all’assorbimento dell’hangover

  1. Yuck – Automatic
  2. Real Estate – Out of Tune
  3. Pavement – Range Life
  4. Welcome Back Sailors – I’ll be There
  5. JJ – And Now
  6. Cats on Fire – Poor Students Dream of Marx
  7. Colapesce – Niente di più
  8. Darkstar – Gold
  9. Nana Grizol – Galaxies
  10. Perfume Genius – Look Out, Look Out
  11. The Tallest Man on Earth – You’re Going Back
  12. Tha Wave Pictures – Blind Drunk
  13. Summer Fiction – Chandeliers
  14. Joel Alme – Waiting for the Bells
  15. Avi Buffalo – Where’s Your Dirty Mind
  16. Spectrals – I Ran With Love but Couldn’t Keep up

SCARICA GRATIS – FREE DOWNLOAD

Proclami a parte quello che volevamo fare era solo rendervi partecipi del fatto che a noi queste canzoni ci sono piacute un sacco e magari se piaceranno anche a voi noi, nel nostro piccolo, saremo più contenti.

Follow the white bear and Have fun!

Non l’ho letto, ma mi piace – Ep. 9

Rubrica arbitraria, casuale e insindacabile di segnalazioni letterarie su libri che non abbiamo ancora letto, ma che comunque vi consigliamo. E se poi avessimo ragione noi?

Personaggio amato e odiato, strenuo difensore della cristianità contro l’eresia, Nicolas Eymerich è un eroe negativo, cui in qualche modo ci si affeziona e di cui non si può smettere di leggere. Finemente votato al razionalismo estremo, cinico e impietoso. Senza voler scomodare a vuoto mostri sacri della letteratura, fa il verso alla figura tragica del Grande Inquisitore di Dostoevskij, convinto che le masse, ignoranti e meschine, non possano godere della libertà, perché non ne sarebbero capaci. Valerio Evangelisti riesce con maestria a mescolare due generi apparentemente inconciliabili: la fantascienza e la narrazione storica. Nove romanzi da divorare, ognuno a sé stante. Rex tremendae maiestatis è ciò a cui tutte le strade convergono, il decimo e ultimo del ciclo. La resa dei conti del Magister, che come tutti gli eroi, per essere ricordato come tale, deve uscire di scena. Con intelligenza, ne siamo convinti. [Maria Nesticò]
Valerio Evangelisti
Rex tremendae maiestatis
Mondadori, pp. 483, € 18,50
L’ho letto, tanti anni fa, Il giardino segreto. Si trattava proprio di un regalo di Natale e sulle prime non mi piacque per nulla. Fuori contesto, quindi, in questa rubrica, del tutto. In effetti, però, non del tutto, anzi, affatto, perché, superata la prima impressione e la netta avversione per la ragazzina intrattabile e viziata protagonista della storia, Il giardino segreto divenne col tempo uno dei miei libri prediletti e poi perché la versione di cui vi scrivo è quella completamente rinnovata nella traduzione di Beatrice Masini (e dalla copertina accattivante) edita da Fanucci. Questa storia di Frances Hodgson Burnett, straordinariamente densa di realismo, eventi soprannaturali, spunti rivoluzionari, è certamente da riscoprire e gustare, assolutamente apprezzabile quindi il volerle ridare lustro. [Barbara Ferraro]
Frances Hodgson Burnett
Il giardino segreto
Fanucci, pp. 278, € 11,00
Torna nelle librerie, e sotto i nostri alberi di Natale, uno degli scrittori del fantastico più celebrati dalla critica e coccolati dal pubblico: Neil Gaiman. Il suo nuovo libro Odd e il gigante di ghiaccio riporta Neil in un territorio che gli è caro e in cui si muove piuttosto felicemente: l’eccezionale patrimonio narrativo costituito dai miti nordici, già al centro del suo romanzo American Gods. Ed ecco di nuovo dei antichi (Odino, Thor e Loki, per la precisione, ma in sembianze animali) alle prese con il mondo moderno e con nuovi eroi umani, o aspiranti tali.
La struttura sembra quella molto classica del viaggio di formazione con tanto di prova finale che sancirà il valore – e il destino – del piccolo protagonista. Il libro, edito da Mondadori, in verità, lo troverete nello scaffale della letteratura per ragazzi, ma le storie di Neil Gaiman spesso hanno il pregio di farsi amare anche da un pubblico più adulto.
Odd e il gigante di ghiaccio è un patetico tentativo di ricalcare formule di successo o è una nuova bella storia partorita dal più amabile degli autori gotici contemporanei? Non lo sappiamo, ma noi, dobbiamo confessarlo, a Neil vogliamo molto bene e preferiamo sperare per il meglio. Impreziosito dalle belle illustrazioni di Brett Helquist, questo libro potrebbe essere un ottimo regalo per avvicinare qualcuno alla lettura e non necessariamente di età compresa tra gli 11 e i 13 anni. Attenti però: una volta scoperto Neil Gaiman potrebbe non volersi fermare più. [Valeria Vitale]
Neil Gaiman
Odd e il gigante di ghiaccio
Mondadori, pp. 120, € 14,00

The woods decay, the woods decay and fall,
The vapours weep their burthen to the ground,
Man comes and tills the field and lies beneath,
And after many a summer dies the swan.
(Lord Tennyson, Tithonus)

Non l’ho letto ma mi piace perché per raccontare un punto di vista, il proprio, sulla cultura americana e il suo narcisismo, la sua superficialità e la sua ossessione per la giovinezza nessun altro titolo avrebbe colto così profondamente il segno. Dopo molte estati muore il cigno di Aldous Huxley: una storia, al tempo stesso satirica e filosofica, incentrata sull’antico, e quantomai contemporaneo e sfibrante, desiderio dell’uomo di vivere per sempre. Da quando nel 1939 fu data alle stampe per la prima volta ogni volta si rinnova attorno a questo suo nucleo e perno: con tutte le paure e le incertezze che gli sono complementari. Di Aldous Huxley Cavallo di Ferro ha pubblicato anche I diavoli di Loudun. che il New York Times Book Review ha definito «Il culmine della straordinaria carriera di Huxley». [Maddalena Bonparola]

Aldous Huxley
Dopo molte estati muore il cigno
Cavallo di ferro, 333 pp., € 19,00