Giallo di China

Detective Dee e il mistero della fiamma fantasma (1)Ho scoperto da poco che un noto ristorante romano offre, nel suo menù, accostamenti  culturalmente arditi come i ravioli al vapore ripieni di coda alla vaccinara. Questo incipit è solo apparentemente disgiunto dal nostro oggetto di discorso perché guardare Detective Dee e il mistero della fiamma fantasma ha suscitato in me più o meno le stesse sensazioni che, immagino, si provino nel trovarsi di fronte suddette proposte gastronomiche. Mi spiego meglio. Il regista di questo film era stato etichettato, all’apice della sua carriera, come lo Steven Spielberg di Hong Kong (povero Spielberg, ma quanti suoi cloni esistono in giro per il mondo?!). Intuisco che ciò significhi budget lussuosi, una certa attenzione alla storia e una regia dotata di personalità.

Se è vero che Tsui Hark ha avuto Spielberg come modello di riferimento, probabilmente non ha pensato a quello emozionale e riflessivo degli ultimi film ma a quello più avventuroso e giocherellone degli anni ’80 e ’90. Insomma, lasciando stare i giri di parole, questo film si ispira dichiaratamente a Indiana Jones, persino nella struttura del titolo. Ma se è piuttosto plausibile per lo spettatore immaginare il professor Jones alle prese con una misteriosa avventura ambientata in Cina (cosa c’è di più esotico e misterioso della Cina?!) risulta invece un po’ più impegnativo, almeno per noi occidentali, seguire le vicende di un personaggio stile Indiana Jones ma appartenente lui stesso alla cultura cinese e, per di più, protagonista di una storia ambientata secoli e secoli fa.

Detective Dee e il mistero della fiamma fantasma (2)

Infine, ennesima secchiata di benzina sul fuoco della curiosità, questo film si presenta come un giallo classico, completo di omicidi apparentemente inspiegabili. E siccome l’estate non è estate senza aver visto almeno un film giallo, ecco che l’avventura di detective Dee diventa irrinunciabile.

Detective Dee e il mistero della fiamma fantasma (3)La partenza è ben congegnata: nella Cina del 600 la prima imperatrice donna sta per essere incoronata, nonostante l’esplicito scontento dei tradizionalisti. I preparativi per la cerimonia, però, vengono interrotti da una serie di morti che sembrano causate dall’ira degli Dei. A investigare su di esse viene chiamato un carismatico detective (ma esistevano i detective nella Cina del‘600? È proprio vero che hanno inventato tutto prima di noi) che ha un controverso passato da ribelle proprio contro l’imperatrice che ora è chiamato a difendere. Anche il finale è indubbiamente un’espressione di ottimo cinema, da tutti i punti di vista: effetti speciali maestosi e ben realizzati, la storia che si conclude con grazia, persino una morale interessante e non didascalica. Il sottofinale, poi, è un vero e proprio tocco da maestro che lascia la porta aperta ad eventuali nuove avventure di Dee, se possibile ancora più improbabili di quelle che gli sono appena occorse.

Ciò che mi lascia perplessa è tutto quello che c’è tra questo buon inizio e questa ottima fine. In primo luogo gli interminabili combattimenti volanti che, confesso, preferirei veder vietati per legge. Senza di quelli il film durerebbe mezz’ora in meno e sarebbe incalcolabilmente più godibile. In secondo luogo la trama si rivela sempre più farraginosa: non solo poco credibile – il che non sarebbe un vero problema in un contesto di genere che confina spesso con il fantasy – ma soprattutto poco logica e poco scorrevole. O l’ennesima serie di calci rotanti ha intorpidito le mie facoltà di comprensione o gli sceneggiatori hanno ritenuto la consequenzialità e la coerenza requisiti secondari di questa avventura. Infine un problema del tutto culturale: la comicità orientale inserita in un film dall’impianto tutto sommato classicamente hollywoodiano, talvolta lascia sinceramente interdetti.

Se vi consiglio di vedere questo film quando uscirà in sala alla fine di Agosto? Le recensioni degli specialisti del genere sono entusiaste. Come quelle dei ravioli al vapore ripieni di coda alla vaccinara.

Detective Dee e il mistero della fiamma fantasma (poster)Detective Dee e il mistero della fiamma fantasma (Di renjie)
China/Hong Kong 2010
regia di Tsui Hark
con Andy Lau, Carina Lau, Bingbing Li, Tony Leung Ka Fai, Chao Deng
durata 122 minuti

in Italia dal 26 Agosto 2011

.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...